Lorenzo Rossetti
LORENZO ROSSETTI (MIXO) - Biografia Non   ho   mai   saputo   cosa   volessi   fare   nella   vita   e,   se   devo   essere   sincero,   non   lo   so   nemmeno   ora,   ma fra le tante cose che ho fatto, che faccio e che farò, una almeno dev'essere legata alla musica. Ho    sempre    considerato    la    musica    come    qualcosa    di    trascendentale,    un    regalo    fatto    dal    Creatore all'essere   umano   che   gli   permettesse   di   esprimere   e   comunicare   i   propri   sentimenti   in   un   modo   diverso da quelli convenzionali. Non   esiste   persona   al   mondo   che   non   si   senta   attratta   da   una   melodia,   un   ritmo   o   semplicemente   un suono   più   o   meno   armonico.   E   nessuno   "sente"   la   musica   nello   stesso   identico   modo   in   cui   la   sente qualcun   altro.   Per   quanto   ci   sforziamo   di   tradurla   o   ridurla   in   spartiti   o   in   altre   forme   di   scrittura   non riusciremo mai a trasmettere il sentimento e le sensazioni del tutto personali che una musica ci dà. Siamo   tutti   musicalmente   daltonici,   se   una   canzone   fosse   un   quadro   ognuno   di   noi   lo   vedrebbe   con colori   diversi   rispetto   a   chiunque   altro;   simili   ma   mai   identici.   La   musica   è   arte, ognuno di noi la sente a modo suo ed esclusivamente suo. Nonostante   ciò,   quando   avevo   due   anni,   mi   racconta   mia   madre,   mi   mettevo   a piangere   ogni   qual   volta   sentissi   il   canto   di   una   voce   femminile.   Non   sopportavo,   o forse   mi   rattristivano,   le   nenie,   le   ninne   nanne,   i   canti   intonati   nelle   chiese   o   nelle processioni, in compenso però amavo il ritmo e le orchestre. Mio   padre   era   cantante   e   batterista   professionista,   con   la   sua   orchestra   suonava cinque   mesi   al   mare   d'estate   (Loano)   e   cinque   mesi   in   montagna   d'inverno   (Ortisei). Mia madre e io lo seguivamo però solo per un mese in entrambe le località. Rimanevo   incantato   a   guardarlo   e   seguivo   le   sue   mosse   dalla   prima   all'ultima   nota della   serata,   il   massimo   per   me   era   quando   suonavano   i   twists,   i   cha-cha-cha   e   le canzoni   dei   Beatles.   Avevano   una   cantante   inglese   di   nome   Lynn   che   aveva   una figlia,   Carole,   dalla   quale   appresi   le   mie   prime   frasi   in   inglese,   e   ballavamo   mentre   i nostri   genitori   si   esibivano,   avevo   quattro   anni   e   Carole   otto   ed   era   uno   spasso   per tutti vederci in pista a dimenarci a ritmo di twist. Mio   padre   era   il   mio   idolo   e   la   mia   guida   e   chi   mi   chiedesse   a   quel   tempo   chi   fra   mia   madre   e   mio   padre   amassi   di   più   non   doveva attendere   molto   la   mia   risposta   per   niente   diplomatica.   Il   nostro   legame   era   veramente   forte   e   io   soffrivo   molto   la   sua   mancanza durante   i   mesi   in   cui   lui   non   c'era.   Fu   proprio   a   causa   di   questa   mia   palese   sofferenza   che   un   giorno   decise   di   cambiare   lavoro   per stare più tempo con la sua famiglia. Per   me   quello   fu   uno   dei   giorni   più   belli   della   mia   vita,   avevo   un   papà   a   tempo   pieno   e   una   batteria   in   casa,   sempre   a   mia disposizione.   Lui,   infatti,   non   abbandonò   mai   la   sua   passione   che   fino   a   poco   tempo   prima   era   il   suo   lavoro   ma   semplicemente   la coltivò come hobby. Entrò   a   far   parte   di   non   so   quante   altre   orchestre   questa   volta   con   un   genere   musicale   diverso,   il   liscio,   e   suonava   solo   nei weekend. La   batteria,   le   percussioni   (mio   padre   ne   aveva   un   baule   pieno),   ma   anche   tutto   ciò   che   mi   permettesse   di   generare   ritmi   e   suoni strani, sono da sempre gli oggetti più feticistici della mia vita. Ricordo   che,   durante   un   viaggio   in   Indonesia   all'età   ormai   matura   di   33   anni,   quando   vidi   per   la   prima   volta   a   Java   il   Gamelan   e   ne ascoltai   il   suono,   l'emozione   fu   così   forte   che   mi   scesero   le   lacrime   e   giurai   che   prima   o   poi   avrei   posseduto   anche   uno   solo   degli strumenti che ne compongono l'ensemble. Ho   sempre   amato   ascoltare   musica   ma   ancor   più   "farla",   riuscire   a   emulare   il   ritmo   di   una   canzone   che   mi   piacesse   mi   spingeva   a sperimentare   cose   sempre   più   difficili   e   complicate,   spesso   con   risultati   deludenti   almeno   all'inizio,   però   sempre   migliori   di   volta   in volta. Mio   padre   m'insegnò   le   basi   e   l'impostazione   classica   del   batterista   dalla   quale   ben presto   mi   discostai,   un   po'   per   pigrizia   e   un   po'   per   ricercare   nuove   combinazioni   che mi    permettessero    di    realizzare    "subito"    ritmi    più    complessi    e    a    mio    parere    più accattivanti. Quello   fu   un   errore   che   ancora   oggi   non   mi   so   perdonare,   se   avessi   seguito   un metodo   di   studio   invece   che   il   mio   istinto   o   il   mio   mediocre   talento   naturale   forse adesso saprei “veramente" suonare la batteria. Altra   cosa   che   mi   ha   sempre   incuriosito   e   affascinato   era   ...ebbene   sì...   "LA   RADIO". Sin    da    piccolo,    tutti    quei    suoni    e    quelle    voci    che    provenivano    da    chissà    dove stimolavano la mia fantasia e la mia sete di conoscenza. Mia   madre   mi   raccontava   che   cercavo   di   scoprire   all'interno   delle   radio   dove   fossero gli   omini   che   parlavano   e   suonavano   finché   con   il   passare   degli   anni   ne   studiai effettivamente il funzionamento e ne feci tesoro. All'epoca   la   radio   era   solo   in AM   (modulazione   d'ampiezza),   non   esisteva,   o   per   lo   meno,   non   si   usava   ancora   l'FM   (modulazione   di frequenza) almeno per quel che riguardava le radio commerciali. Per   una   questione   di   propagazione   delle   onde   elettromagnetiche,   di   giorno   si   riuscivano   a   ricevere   solo   pochi   canali   radio   in   AM ovvero solo la RAI, ma di sera..... Di   sera   si   apriva   il   sipario   su   un   mondo   di   emittenti   radiofoniche   da   tutto   il   mondo,   un   miscuglio   di   lingue   incomprensibili, affascinanti   ed   esotiche   al   tempo   stesso   e   di   musiche   e   suoni   di   ogni   genere.   Rimanevo   ore   incollato   all'enorme   radio   a   valvole della   sala   di   casa   mia   cercando   di   capire,   più   dall'intonazione   degli   speakers   che   dalle   loro   parole,   ciò   che   dicesse   qualche commentatore cinese o arabo piuttosto che tedesco o russo; il mondo non finiva a Soresina... E   ogni   volta   che   cambiavo   frequenza   la   mia   immaginazione   mi   portava   in   terre   lontane,   misteriose   e   sconosciute,   accrescendo sempre più il mio desiderio di viaggiare e di conoscere. Poi   qualcuno   ebbe   la   geniale   idea   di   regalarmi   una   radiolina   a   transistors   e   fu   per   me   come   passare   dal   pallottoliere   al   computer. Me la potevo portare ovunque, persino a letto di sera, in modo da prolungare l'ascolto anche nelle prime ore della notte. Fu   allora   che,   smanettando   in   su   e   in   giù   per   le   frequenze,   una   sera   trovai   un'emittente   con   un   sound   decisamente   accattivante   e completamente diversa da tutte le altre. Ogni   sera,   dalle   dieci   a   mezzanotte,   andava   in   onda   una   Top   30   diversa:   Rock,   Pop,   Disco,   UK, American,   Singles, Albums,   ecc.; l'emittente   in   questione   si   chiamava   "RADIO   LUXEMBOURG",   trasmetteva   sui   208   metri   in   AM,   gli   studi   erano   a   Londra,   38 Hertford Street, area W1Y, ma le antenne in Lussemburgo, per eludere il monopolio BBC del Regno Unito. Mi ricordo ancora il jingle delle news che diceva: "This is Radio Luxembourg, London W1Y, 208, international news". Se   dovessi   stilare   oggi   una   classifica   di   gradimento   fra   tutte   le   radio   commerciali   che   ho   ascoltato   nella   mia   vita   direi   che   Radio Luxembourg   occupa   il   primo   posto   in   assoluto;   il   ritmo,   la   verve,   la   qualità,   la   professionalità,   la   selezione   musicale,   l'originalità   e l'assoluta diversità dei suoi programmi la collocano nella stratosfera delle emittenti di quel periodo, e non solo. Radio   Montecarlo,   che   venne   un   po'   più   tardi,   e   poi   ancora   Radio   Milano   International   hanno   nel   loro   DNA   dei   cromosomi   di   Radio Luxembourg. Fu la prima radio pirata, privata o libera che dir si voglia d'Europa. Dalle   sue   frequenze   ascoltai   per   la   prima   volta   artisti   al   tempo   sconosciuti   come   Chick   Corea,   Pink   Floyd,   Weather   Report, Tangerine   Dream,   Genesis,   Emerson   Lake   &   Palmer,   ecc.,   suoni   nuovi che avrebbero cambiato il modo di concepire e fare musica. Ma   fra   tutti   questi   una   canzone   su   tutte   aspettavo   ogni   sera   e   non dormivo   se   non   arrivava;   era   "It's   Too   Late"   di   Carole   King.   Sì,   è   vero, posso   senza   ombra   di   dubbio   affermare   che   quella   canzone   e   la   sua interprete furono i primi amori della mia vita. RCL   26   a   parte,   solo   un’altra   radio,   stavolta   di   Los Angeles,   riuscì   dopo molto   tempo   a   tenermi   sveglio   la   notte   per   non   perdermi   neanche   uno dei   suoi   programmi,   e   fortunatamente   per   brevi   periodi   soltanto,   visto che non bazzicavo spesso da quelle parti. KTWV,    The    Wave,    sui    94.7    FM,    fu    la    prima    radio    tematica    Jazz (smooth,   funky,   fusion,   ecc.)   che   ebbi   la   fortuna   di   sentire;   quel   genere musicale   colpì   il   mio   apparato   uditivo   incastonandosi   da   qualche   parte fra    cuore    e    cervello    così    profondamente    da    non    poter    più    essere rimosso.   Ma   questa   è   già   storia   più   recente,   quindi   non   pertinente   al tema qui trattato. Ritornando   invece   alla   mia   preadolescenza,   mi   ricordo   che   all'età   di   12 anni   raccattai   un   po'   di   amici,   tra   cui   Massimo   Ottini,   e   formai   il   mio primo   gruppo   musicale,   ci   chiamavamo   "The   Buildings"   e   suonavamo nelle feste parrocchiali e di quartiere. Facevamo   pezzi,   ovviamente,   degli   ex   Beatles   (mi   ricordo   My   Sweet Lord di George Harrison) e della Formula Tre (Eppur Mi Son Scordato Di Te, La Folle Corsa) e altri ancora. Due   anni   dopo,   con   Marco   Migliorini   e   Alberto   Lacchini   formammo   il   gruppo   "Vecchio   Futuro",   sperimentavamo   nuove   sonorità   e nuove   tecnologie,   mini   Moog   autocostruiti,   pick-up   applicati   a   tutto   quello   che   ci   passava   per   le   mani,   combinazioni   di   oscillatori   e filtri   elettronici   che   emettevano   rumori   e   suoni   di   ogni   genere,   il   tutto   per   emulare   le   sonorità   dei Tangerine   Dream,   dei   Pink   Floyd   o degli   Area.   Suonavamo   pure   pezzi   della   Premiata   Forneria   Marconi,   Banco   del   Mutuo   Soccorso,   New   Trolls,   Emerson   Lake   & Palmer,   ecc.   Sempre   in   quel   periodo   formai   un   altro   gruppo   con   altri   elementi   ancora,   si   chiamava   “Cromosoma   Y”,   con   un repertorio musicale di stampo rock; ci ispiravamo ai Black Sabbath, Deep Purple, Jethro Tull, Led Zeppelin, ecc. Nella   seconda   metà   degli   anni   70   poi   arrivarono   la   Soul   Music,   il   Philadelphia   Sound   e   altre   correnti   musicali   che   sarebbero   poi sfociate   nella   Disco   Music,   le   prime   radio   libere   incominciavano   a   fare   capolino   soprattutto   nelle   grandi   città   e   mi   stuzzicava   l'idea di 'agitare' un po' anche l'etere della mia amata Soresina. Frequentavo   la   4ªB   dell'Istituto   Tecnico   Commerciale   quando   una   mattina,   un   mio   professore   supplente   (Mario   Pedrini),   poco   più anziano   di   me   e   che   abitava   nel   mio   stesso   quartiere,   mi   disse   che   da   casa   sua   aveva   ascoltato   alla   radio   tutto   quello   che   era successo a casa mia la sera prima. La   spiegazione   è   semplice:   avevo   appena   costruito   il   primo   prototipo   di   trasmettitore   FM   e   me   l'ero   dimenticato   acceso,   con   un microfono collegato. A   parte   la   figuraccia   da   pollo   lesso,   avevo   però   avuto   la   conferma   che   il   marchingegno   funzionava   e   magari,   con   un'antenna sempre rigorosamente autocostruita e installata sul tetto di casa del nonno, avrebbe potuto andare oltre i confini del quartiere. Così   fu,   quello   che   accadde   poi   è   già   stato   narrato   nella   pagina   " storia "   di   questa   web   e,   purtroppo,   come   tutte   le   storie   più   belle, anche RCL26 non durò a lungo ma rappresentó uno dei periodi più felici della mia vita. La   mia   attività   musicale   comunque   non   si   spense   con   la   radio;   Gruppo   Cinque,   Gruppo   Elettrogeno,   Generator   Band,   Polaris, Weather   Rifát,   Omnia,   sono   nomi   di   altrettante   band   di   cui   ho   fatto   parte,   e   altre   ancora   di   cui   purtroppo   non   ricordo   più   il   nome   ma soltanto i componenti. Scorrendo   quei   ricordi   mi   sorprendo   sempre   con   il   sorriso   sulle   labbra   e   nel   cuore,   ho   incontrato   tanta   gente   nella   mia   vita   e   ho vissuto   tante   esperienze   ma   quelle   persone   conosciute   grazie   alla   radio   e   alla   musica   mi   sono   rimaste   dentro,   istintivamente, sapendo che anche se non le avessi mai più riviste, si sarebbero ricordate di me come io di loro, sempre e dovunque. Lorenzo Rossetti
Files musicali di Lorenzo Rossetti (Mixo) _______________ Night Time Mixo on Air
RCL26 č parte del network Radionomy.com che assolve a tutti i diritti d’autore, editoriali e fonografici.
  © RCL26.it - 2017  Email: info@rcl26.it