Marco Migliorini
MARCO MIGLIORINI (M2) - Biografia Avevo   4   anni   ed   attaccando   il   filo   dell'antenna   della   radio   di   casa   al   triciclo   la   trascinai   per   alcuni   metri,   isolando   la   mia   famiglia dal   resto   del   mondo   per   alcuni   giorni. A   parte   qualche   scapaccione   che   inevitabilmente   volò   sulle   mie   terga,   il   dramma   si   risolse con   qualche   valvola   sostituita   e   tutto   tornò   alla   normalità,   ma   da   allora   il   mio destino   rimase   indissolubilmente   legato   alla   musica,   agli   strumenti   musicali   ed alla radio per un lungo periodo. Essendo   figlio   di   un   organaro   (costruttore   di   organi   meccanici),   e   nipote   di   un "discreto"   mandolinista:   mio   nonno   Giuseppe,   la   musica   giaceva   nel   mio   DNA, serpeggiante tra le spirali, in attesa di essere portata in primo piano. Nei   primissimi   anni   di   vita   (dai   6   ai   10)   vivevo   a   Soresina   ed   ero,   in   pianta stabile,   accasato   dai   miei   nonni   materni   che   in   quel   periodo   gestivano   una latteria   gelateria   bar   e   molto   altro   in   Via   XX   Settembre,   di   fronte   all'Albergo della    Fenice    (chissà    se    qualcuno    se    lo    ricorda),    e    lì    un    folto    gruppo    di giovinastri   si   radunava   intorno   ad   un   giradischi   per   scatenarsi   nei   balli   più sfrenati,    a    parte    qualche    lento    da    mattonella.    Chi    era    il    DJ?    Ma    io naturalmente,   armato   di   vestitino   ultra   kitch   mi   divertivo   a   cambiare   i   45   giri nei pomeriggi di sabato e domenica. Furono   necessari   alcuni   anni   di   "gavetta"   tra   batterie   e   chitarre   giocattolo   per approdare   ad   esperienze   underground   in   quei   mitici   (a   ragion   veduta)   anni Settanta,   periodo   in   cui   mi   cimentai   con   un   arcaico   basso   Eko,   sottratto   alla disattenzione   del   curato   che   soprintendeva   alla   vita   spensierata   di   oratorio,   in quella    industriosa    Soresina    che all'epoca            si            proponeva effervescente e ricca (altri tempi). I      miei      compagni      d'avventura erano:       Alberto       Lacchini       ed indovinate   un   po'   chi   era   il   terzo del   trio   ...   il   comm.   Lorenzo   Rossetti.   Restavamo   ore   a   casa   di   Alberto   cercando   di imitare     le     prime     sonorità     psichedeliche,     con     improvvisati     sintetizzatori     e     le immancabili   connessioni   provvisorie   di   Lorenzo,   fatte   per   non   perdere   tempo,   con poca cura e tanto nastro adesivo. L'avventura   proseguì   facendosi   seria   con   la   formazione   di   un   gruppo   ormai   storico per   i   soresinesi   dei   nostri   anni:   La   Generator   Band,   che   aveva   il   nocciolo   duro   in Angelo   (Resmini)   voce   solista,   Lorenzo   alle   percussioni   (anche   se   il   comm.   suonava di    tutto),    Massimo    (Ottini)    alla    chitarra    solista    ed    io    al    basso    elettrico.    Nella formazione   si   alternarono   Domenico   Ferrari,   Claudio   Morosini,   Davide   Perella   (che fu    comunque    stabilmente    presente)    alla    chitarra    d'accompagnamento.    Dal    1974 circa,   a   tutt'oggi,   la   Band   in   realtà   non   si   è   mai   sciolta,   anche   se   è   rimasta   inattiva per   lunghi   periodi.   A   parte   il   nostro   amore   viscerale   per   Pino   Daniele,   un   must   resta l'esecuzione   del   brano   "Il   rock   di   capitan   Uncino"   di   Edoardo   Bennato,   brano   con   il quale   riuscimmo   ad   ottenere   inaspettati   successi.   Unico   pezzo   del   gruppo,   scritto   da Lorenzo   e   musicato   insieme,   fu   il   motivo   dall'inquietante   titolo   abbatantuonesco: "Animale" (va pronunciato urlando). In   quegli   anni,   tra   il   1974   ed   il   1975,   approdai   nella   città   di   Crema   avvicinandomi   ai   personaggi   che   pioneristicamente   avevano attivato   emittenti   pirata   e   trasmettevano   con   un   discreto   successo   di   pubblico:   la   prima   era   Radio   Crema   International   (di   Ben   Ur Zimut)   nella   quale   conducevo   un   programma   dediche   ed   in   seguito,   per   amicizia   con   alcuni   dj   noti   all'epoca   solo   nel   contesto cremasco,   mi   spostai   nella   più   "quotata"   Radio   Crema   Centrale   (di   Beppe   Diana)   nata   come   Radio   Crema   City   e   lì   iniziai   ad affinare le tecniche radiofoniche, grazie all'esperienza dei colleghi più adulti (io avevo 15 anni). Si   svolse   tutto   in   un   lustro,   infatti   tra   il   1975   ed   il   1980   passai   dopo   le   due   radio   di   Crema   a   Radio   Comprensorio   26   Lombardia ed il seguito è noto nelle pagine della storia della Radio . Giusto     per     completezza,     grazie     ad     una     buona     capacità     di coinvolgimento   che   mi   fu   attribuita,   non   ho   mai   saputo   da   chi,   mi ritrovai   a   fare   il   dj   anche   al   Lord   Club   a   Quinzano   d'Oglio   (quando era   solo   discoteca),   ed   ebbi   l'occasione   per   potermi   esibire   anche alle    Cupole    (in    un    paio    di    occasioni    e    grazie    all'amicizia    con    il direttore). All'epoca   frequentai,   come   tutti   i   soresinesi   e   non,   il   mitico "Gatto   Verde"   ma   i   miei   ricordi   sono   perlopiù   legati   al   "Diedron", discoteca    in    cui    mi    trovai    ad    intervistare,    per    conto    di    RCL26, Francesco    Di    Giacomo,    pazzesca    voce    solista    ed    originalissimo cantante del BMS Banco del Mutuo Soccorso. I   ricordi   da   descrivere   sarebbero   molti   e   di   molteplice   natura   e   perciò   mi   ripropongo   di   ampliare   il   profilo   biografico   nella   mia pagina FB, concludo la mia storia artistica ricordando che i miei anni '70 finirono con la "naja". Il servizio militare, già rimandato per motivi di studio, inesorabilmente chiuse la mia "carriera" di dj. Vi saluto con il mio solito ma sempre semplice ciao da M2 (Era una frase ricorrente che usavo in chiusura dei programmi ad RCL26) M2 Marco Migliorini
RCL26 č parte del network Radionomy.com che assolve a tutti i diritti d’autore, editoriali e fonografici.
  © RCL26.it - 2017  Email: info@rcl26.it